Qmail Ldap

Qmail-Ldap dot info

La risorsa italiana dedicata al server di posta Qmail Ldap
Manuale di installazione, configurazione, funzionamento e amministrazione del mailserver Unix sicuro utilizzato da migliaia di utenti, postmaster e amministratori di sistema.
Qmail ldap
 
Openldap
Configurazione Ldap
 
Installazione Qmail
Configurazione
Servizi
  Qmail-Send
  Smtpd
Account
Maildrop
Autenticazione SMTP
Avvio di Qmail
 
Qmail Suite
 
POP3
IMAP
  Imap Courier
  Imap Dovecot
 
Antivirus
Antispam
Simscan scanner
 
Gestione coda
 
Logging
  QmailMrtg7
  Isoqlog
 
Riepilogo comandi
Risorse

ClamAV

Clam AntiVirus è un sistema anti-virus opensource, il cui repository di signatures è aggiornato quotidiamente da una vasta comunità di ricercatori.
Un apposito software, la cui esecuzione viene pianificata regolarmente, si occuperà di prelevare i dati relativi a nuovi virus e trojan, aggiornando continuamente il nostro database locale.
Clam Antivirus supporta il controllo su eseguibili Windows, Mac e Unix, compresi i file .vba, gli script interni alle pagine html, le macro incorporate ai documenti MS.
Clam AntiVirus rRiconosce virus, trojan, rootkit e controlla i file all'interno di archivi compressi come zip, rar, cab, tgz, arj e altri.
Il suo funzionamento ottimale si basa su un demone (clamd) - in ascolto su un socket locale o su porta TCP - interrogato di volta in volta da uno specifico client (clamdscan).
Questa è l'impostazione che utilizzeremo per massimizzare le prestazioni.

Preleviamo gli ultimi sorgenti disponibili da Sourceforge.net
groupadd clamav
useradd -g clamav clamav
cd /usr/local/src wget http://dfn.dl.sourceforge.net/sourceforge/clamav/clamav-0.90.3.tar.gz tar zxvf clamav-0.90.3.tar.gz cd clamav-0.90.3 ./configure make
make install
ldconfig


/usr/local/bin/clamdscan
/usr/local/sbin/clamd
/usr/local/bin/freshclam

/usr/local/bin/clamscan
/usr/local/bin/clamconf
/usr/local/lib/pkgconfig/libclamav.pc



Aggiorniamo il database dei virus:

/usr/local/bin/freshclam



E configuriamo lo scheduling del servizio di aggiornamento.
impostiamo nel file di configurazione :
/usr/local/etc/freshclam.conf
Checks 2

Prima di avviare il servizio clamd potete editare il file di configurazione, commentando la riga Example e modificando, se necessaario, le altre impostazioni.
/usr/local/etc/clamd.conf

# Example



Avvio di Clamd

editiamo il file
/etc/rc.clamav

#!/bin/sh

PATH=/bin:/usr/bin:/usr/local/bin:/usr/local/sbin
RUNPID=/var/run/clamd.pid

case "$1" in

start)
echo "Starting Clamd Clam AV Server"
/usr/local/sbin/clamd SESSION
;;

stop)
if [ -r $runpid ]; then
pid=`cat ${RUNPID}`
kill -9 $pid || ( echo "failed to stop clamd" && exit 1 )
echo "ClamAV server (pid $pid) stopped"
else
echo "$RUNPID doesn't exist, is clamd running?"
fi
;;

restart)
$0 stop && sleep 2 && $0 start
;;

*)
echo "usage: $0 (start|stop|restart)"
;;
esac

 

e rendiamolo eseguibile:
chmod 700 /etc/rc.clamav 

Integreremo questo processo nello script di avvio di Qmail, mentre il client verrà invocato dall'apposito scanner.

Per farlo partire all'avvio un'opzione potrebbe essere:

echo ""
echo "/etc/rc.clamav start" >> /etc/rc.local
echo ""